A chi non è capitato di lasciare i figli a casa da soli anche per pochi minuti? Si pensa di sbrigare una commissione veloce o si può contare sul fatto che la vicina è sempre in casa. Specialmente in questo periodo di coronavirus non si sa proprio a chi lasciarli quando si deve uscire.

Ebbene, lasciare i figli minori a casa da soli può costituire reato.

Reato di abbandono di minore

L’articolo 591 del Codice Penale punisce con la pena della reclusione da 6 mesi a 5 anni chiunque abbandona una persona minore degli anni 14, ovvero una persona incapace, per malattia di mente o corpo, per vecchiaia, o per altra causa, di provvedere a se stessa, e della quale abbia la custodia o debba avere cura.

Il genitore che lascia i figli minori di 14 anni a casa da soli viene meno ai propri obblighi di sorveglianza e cura. E ciò a prescindere dal fatto che accada qualcosa al minore, ma semplicemente perchè lo espone ad un rischio. Non occorre, dunque, perchè si configuri il reato, che il figlio si  sia fatto male in assenza del genitore, ma è sufficiente l’esposizione del minore ad una situazione di pericolo anche solo potenziale per la sua incolumità.

Se il figlio minore viene lasciato insieme ad un’altra persona

Il reato di abbandono di minore è configurabile anche quando il minore viene lasciato alle cure di una persona che non sia capace di provvedervi. Il tipico caso è quello del figlio affidato temporaneamente al fratello più grande, non ancora maggiorenne e inadeguato ad occuparsi di lui.

Ed ancora, è il caso del figlio minore lasciato a casa con una persona anziana che non è in grado di fargli da balia.

Se il figlio minore è capace di badare a se stesso

La convinzione del genitore che il figlio minore sia capace di badare a se stesso e sia già maturo per la sua età non vale ad escludere la responsabilità penale.

Quando il minore ha meno di 14 anni, infatti, per la legge si presume la sua incapacità ad autodeterminarsi.

La denuncia per abbandono di minore

Non serve sporgere querela. Essendo un reato procedibile “d’ufficio”, è sufficiente una telefonata alle forze dell’ordine con la richiesta di intervenire.

La segnalazione di un bambino lasciato a casa da solo può essere fatta dall’altro genitore (attenzione dunque se siete separati ed i vostri rapporti sono tesi), da un parente, e comunque da chi ne sia venuto a conoscenza. Anche un vicino di casa potrebbe chiamare i Carabinieri.

E dopo la segnalazione o la denuncia?

Potrebbe prendere avvio il procedimento penale, ma non solo.

Il Giudice potrebbe incaricare agli assistenti sociali competenti per territorio di svolgere accertamenti approfonditi sulla situazione e le dinamiche famigliari, sullo stato dei minori e dei genitori.

Una segnalazione per abbandono di minore, dunque, potrebbe innescare un meccanismo complicato per un nucleo famigliare. Nei casi più gravi, anche con ricadute sulla responsabilità genitoriale.

In conclusione

  • Se volete segnalare o denunciare un caso di abbandono di minori, ponderate con attenzione l’opportunità di farlo, specialmente quando l’assenza del genitore è stata breve e dovuta ad una improvvisa situazione di necessità. La lettera di un avvocato potrebbe essere sufficiente.
  • Se avete subito una segnalazione, coinvolgete l’avvocato familiarista senza esitare. Potrà subito consigliarvi ed orientarvi anche nei rapporti con gli assistenti sociali.

AvvocatoPersonale si occupa anche di questi aspetti. Se vi riguardano chiamate o scriveteci un’email senza attendere oltre.