Il figlio gravemente trascurato dal genitore ha diritto al risarcimento del danno patrimoniale ed esistenziale patito.

Inoltre, l’azione di risarcimento può essere proposta anche a distanza di un quarto di secolo.

Il danno da “deprivazione genitoriale”, infatti, deriva dal compimento di un “illecito permanente”.
Si verifica cioè momento per momento, fino al maturare dell’indipendenza psicologica del figlio. Attenzione: il raggiungimento di tale indipendenza non corrisponde al raggiungimento della maggiore età ma, per convenzione, viene fatta coincidere con l’indipendenza economica.

Lo ha deciso la Corte di Cassazione con sentenza n. 40335 del 16.12.2021, con cui, respingendo le difese del padre che aveva eccepito la prescrizione dell’azione, lo ha condannato a pagare alla figlia la somma di € 61.500,00